ENDUchannel: la TV degli sport di resistenza (endurance)

by irene
5 minutes
ENDUchannel: la TV degli sport di resistenza (endurance)

ENDUChannel Laura ScaravonatiENDUchannel, dopo il successo registrato nel corso degli ultimi due anni, la web tv vuole potenziare i propri contenuti nel corso del 2022, introducendo nuovi volti e nuovi format per raggiungere picchi di ascolto da emittente televisiva e diventare la house of endurance del mercato italiano.

ENDUChannel ha registrato più di 6 milioni di visualizzazioni nel suo primo anno di vita: numeri che certificano l’apprezzamento da parte degli oltre 10.000 iscritti al canale.  «Le oltre 300.000 ore di video visualizzate ci confermano il grande interesse del pubblico degli sportivi di resistenza – commenta Massimiliano Rovatti, direttore di ENDUchannel  questi risultati sono solo l’inizio di un percorso di crescita che porterà alla piena maturazione proprio nel 2022 con l’ampliamento dei formati proposti e dei canali di distribuzione».

All’interno di queste 300mila ore di visualizzazioni le discipline di riferimento di ENDUchannel restano ciclismo e mountain bike, corsa e trail running, triathlon e tutte le multi-discipline, oltre a nuoto e al variegato mondo degli sport di montagna: la precisa strategia di posizionamento e di storytelling “verticale” nel mondo degli sport endurance si è dimostrata vincente, come dimostrano i numeri degli ultimi tre mesi che hanno registrato una crescita di impression (+73%) e di visualizzazioni (+49%) del canale

Numeri in forte crescita grazie a contenuti rivolti non solo agli amatori evoluti, ma anche a una nuova audience di “beginner” che negli ultimi due anni si è avvicinata al mondo degli sport outdoor e di resistenza, come dimostra una ricerca online condotta da ENDU sulla pratica sportiva in Italia.

LE NOVITÀ DI ENDUCHANNEL

La crescita prospettata, naturalmente, passa attraverso il potenziamento della struttura: «L’ampliamento del team di produzione e l’inserimento di nuovi volti si sono resi necessari per la creazione dei format di ENDUchannel che vedranno la luce nel corso dell’anno – continua Rovatti e l’obiettivo per il 2022, è la produzione di oltre 350 video, cosicché il canale possa diventare una compagnia quotidiana per gli amanti degli sport di fatica».

Tra le novità, il programma “Idee di viaggio – Esperienze di viaggio per viaggiatori sportivi” che porta in video le esperienze di un turismo attivo a piedi o in bicicletta tramite il racconto vissuto in prima persona, e “Come ti muovi – Una donna per le donne” con la coach Laura Scaravonati che accompagnerà le donne della community di ENDU alla riscoperta del proprio approccio allo sport. 

E, restando in tema di conduttrici, la nutrizionista Elena Casiraghi entra nella squadra ENDUChannel con la responsabilità della rubrica “Sport Kitchen” dedicata all’alimentazione dello sportivo.

ENDU Café che tratterà di “Storie e Libri – Un viaggio nell’anima del protagonista” è la terza novità firmata ENDUchannel: direttamente dalla voce del protagonista o dell’autore, verranno raccontate grandi imprese sportive e libri dedicati al mondo dello sport. Infine, liberamente ispirato a Top Gear, “ENDU Gear – Non fa prigionieri” è il programma per mettere alla prova prodotti e miti del mondo dell’endurance con uno stile ironico e provocatorio.

TRA NUOVE OPPORTUNITÀ E RICONFERME

ENDUchannel diventa il canale ideale per le aziende che vogliono veicolare i propri messaggi, mettendo a disposizione partnership su due pacchetti.

La prima soluzione è “The Garage” un nuovo spazio dedicato al mondo della meccanica e della manutenzione della bicicletta in tutte le sue sfaccettature, che vedrà Simone Fabbri detto Tartana, dispensare consigli e suggerimenti in questo viaggio tra grasso e catene. Il secondo pacchetto riguarda la riconferma di “Tech & Test”, un format di successo per la prova dei migliori prodotti sportivi con test on the road. I “collaudatori” di ENDUchannel, provenienti dal professionismo e forti della propria credibilità nel settore, metteranno sotto torchio tutto quello che utilizza un atleta: biciclette, scarpe, abbigliamento, componenti hi-tech e accessori, evidenziandone tutti i punti di forza e di debolezza.